La chiesa è stata inizialmente costruita sulla cima di una chiesa paleocristiana del 5 º- 6 ºsecolo d.C. e successivamente ristrutturata. Nel 1714 i suoi affreschi sono stati dipinti dagli agiografi Antonios Nomikos e Nikolaos Chorafas.
Sul soffitto della chiesa si possono ammirare notevoli opere d’arte in stile occidentale tra cui risalta un dipinto copia del lavoro di Raffaello dal tema centrale: la “Processione al Calvario”.

La chiesa inotre, vanta la tomba di Sant’Apostolo Gaios custodito nel presbiterio della chiesa dove si narra che il Santo vi abbia dormito durante un viaggio. San Gaio, discepolo di San Paolo, è stato uno degli ottanta saggi che si sono impegnati a tradurre la Bibbia.

Contenuti correlati